Indice

OpenDocument Format

Il formato Open Document Format (ODF) è un formato aperto e libero da royalty.
È uno standard ISO/IEC 26300 dal 1 maggio 2006.
È possibile scaricare in formato PDF un documento, in inglese, che elenca i vantaggi di ODF come standard internazionale.
Tale formato è stato creato dal consorzio OASIS e descrive come devono essere salvati i seguenti tipi di documento:

Tipo di documento estensione significato dell'estensione
testo .ODT Open Document Text
template testo .OTT Open Template Text
foglio elettronico .ODS Open Document Spreadsheet
template foglio elettronico .OTS Open Template Spreadsheet
presentazione .ODP Open Document Presentation
template presentazione .OTP Open Template Presentation
disegno .ODG Open Document Graphics
template disegno .OTG Open Template Graphics
database .ODB Open Document Database
formula .ODF Open Document Formula
template formula .OTF Open Template Formula
chart .ODC Open Document Chart
template chart .OTC Open Template Chart
immagine .ODI Open Document Image
template immagine .OTI Open Template Image
master .ODM Open Document Master
template master .OTM Open Template Master
estensioni .OXT Open eXTension

Il formato ODF è basato su un file in formato XML derivato dal formato di OpenOffice.org 1.0. I file ODF sono compressi in formato .zip.

L'Unione Europea

L'Unione Europea (UE) ha fatto studi ed ascoltato le varie aziende e produttori di software per quanto riguarda i formati utilizzati per memorizzare le informazioni. Tutto questo lavoro è stato fatto allo scopo di determinare quali sono i formati che possono essere utilizzati nelle Pubbliche Amministrazioni (PA) europee. Inoltre ha fatto studi per stabilire quale tipo di software le PA è meglio che utilizzino al loro interno.

Documentation on the Promotion of Open Document Exchange Format

Lo studio "Documentation on the Promotion of Open Document Exchange Format" (confronto valutativo della situazione del mercato rispetto ai formati aperti per i documenti) eseguito dalla UE e sviluppato negli anni con interventi di varie aziende e comunità operanti nel settore, si articola in più punti:

  1. Comparative Assessment of Open Documents Formats Market Overview (valutazione del confronto della descrizione del mercato del formato dei documenti aperti): studio effettuato sul finire del 2003 che prende prima in esame i requisiti fondamentali che un formato deve avere per offrire per poter essere adottato dalle Pubbliche Amministrazioni (PA) europee come formato di interscambio ed uso interno. Viene poi fatta un'analisi dei formati presenti sul mercato nel 2003 rispetto ai requisiti precedentemente stabiliti. Da questa analisi risulta che ci sono due formati che soddisfano quasi a pieno tali requisiti: OpenOffice.org e lo schema XML di ms (la ms ha fornito solo lo schema e al momento dello studio non esiste nessuna applicazione che lo sviluppa). L'analisi prende in esame questi due formati presentando le caratteristiche positive, negative e quelle controverse. Le conclusioni indicano che probabilmente questi due formati coesisteranno; nei primi anni il formato XML di ms-office avrà ancora il predominio, ma OOo ha ottime probabilità per conquistare quote consistenti di mercato.
  2. risposta ms allo studio: ms commenta lo studio della UE (aprile 2004)
  3. risposta Sun allo studio UE: Sun commenta lo studio della UE (aprile 2004)
  4. raccomandazioni TAC: le raccomandazioni del TAC all'uso dei formati documentali aperti nelle pubbliche amministrazioni

La NATO

La NATO include ODF tra i formati obbligatori per l'interoperabilità.

L'ONU

L'ONU ha raccomandato formalmente i paesi asiatici di considerare seriamente l'adozione di ODF come standard documentale interno alle pubbliche amministrazioni]].

L'UNDP (United Nations Development Programme) ha rilasciato dei documenti per indirizzare i vari governi sulla scelta dei formati documentali all'interno delle loro amministrazioni.

L'UNESCO

L'UNESCO riconosce il formato ODF e il software libero come elemento chiave per l'educazione informatica e non nel mondo

L'Europa

L'Italia

Il comune di Arezzo

Il comune di Arezzo adotta ODF come formato unico da utilizzare dal 30/06/2008. Da ora tutti i file saranno anche in formato ODF.

La notizia è riportata anche nel blog dell'assessore Ilario Nocentini.

La legislazione croata

Il governo croato stabilisce le seguenti raccomandazioni (in formato PDF):

È stato approvato il programma eCroatia 2007 che prevede l'uso di ODF e PDF come formati base per lo scambio di documenti elettronici in tutti i settori della pubblica amministrazione. Il programma avrà inizio a settembre 2007.
La Croazia ha inoltre annunciato la volontà di approvare ODF e PDF/A come standard nazionali.

ODF è stato approvato come standard nazionale croato.

La legislazione belga

Il concilio federale dei ministri ha approvato ODF come standard per la documentazione pubblica belga.
Per maggiori dettagli vedere anche il wiki di BELGIF (BELgian Governement Interoperability Framework).

Il formato ODF sarà iniziato ad essere utilizzato dal 1 gennaio 2008.

La legislazione danese

La legislazione danese ha imposto norme che impongono l'uso dei formati standard aperti per tutte le pubbliche amministrazioni, recependo così le raccomandazioni espresse dalla UE.

La risoluzione parlamentare B1031) stabilisce che:

  1. il settore pubblico, che utilizza nel suo IT formati standard aperti, migliora la concorrenza
  2. tutte le comunicazioni di dati tra il settore pubblico e i cittadini, società, ecc. deve essere disponibile in formati basati su standard aperti
  3. è compito politico quello di assicurare le basi per una competizione aperta, realizzabile mediante l'uso di formati standard aperti
  4. è compito politico quello di assicurare che l'uso di strumenti IT nella pubblica amministrazione garantisca i diritti democratici di tutti i cittadini che vogliono o devono scambiare informazioni elettroniche con le pubbliche amministrazioni
  5. come risoluzione generale l'uso degli standard aperti nella pubblica amministrazione deve essere completato dal 2008 (o prima possibile)
  6. un cittadino non deve essere obbligato ad usare un determinato programma per poter comunicare con le pubbliche amministrazioni

Un formato è definito standard aperto per il governo danese se:

  1. è ben documentato
  2. è liberamente implementabile ed utilizzabile senza limitazioni economiche, politiche o legali
  3. è certificato come standard; deve essere mantenuto e migliorato mediante processi aperti a tutti gli esperti del settore

29/01/2010 È stato deciso l'uso del solo ODF come formato standard per le pubbliche amministrazioni perché è l'unico a soddisfare i requisiti richiesti e quindi è stata abbandonata l'opzione di poter usare anche ms-ooxml

Finlandia

Il ministero di di giustizia

Il ministero di giustizia finlandese adotta ODF, stimando un risparmio di 5,8 milioni di euro in 5 anni

La legislazione francese

La legislazione francese ha imposto norme che impongono l'uso del formato ODF per tutte le pubbliche amministrazioni, recependo così le raccomandazioni espresse dalla UE.

Prima è stata varata una legge che indica quali sono le linee guida generali da seguire.
L'RGI prendendo spunto da questa legge impone degli obblighi precisi sull'uso del formato ODF nelle PA:

Gran Bretagna

La città di Bristol

La città di Bristol utilizza ODF su 5.500 desktop pianificando un risparmio del 60% dei costi precedenti

Lituania

ODF è standard nazionale in Lituania.

La legislazione norvegese

Il governo Norvegese mediante eNorway 2009 (in formato PDF) prevede:

Sembra che verrà raccomandato l'uso di ODF e PDF.

Ora è ufficiale: in Norvegia, a partire dal 1 gennaio 2009, tutte le informazioni dovranno essere rese disponibili in formato:

Tutti i documenti elettronici precedentemente archiviati/creati devono essere convertiti in ODF/PDF entro il 2014

Link:

A partire dal 1 gennaio 2011 sarà obbligatorio l'uso di ODF e PDF per lo scambio di documenti con la pubblica amministrazione e tra pubbliche amministrazioni

La legislazione olandese

Varato un piano per l'adozione di ODF come standard interno alla pubblica amministrazione olandese. Il piano prevede l'adozione di ODF al massimo entro gennaio 2009.

Il governo olandese ha posto come limite massimo alle amministrazioni pubbliche la data di aprile 2008 per l'introduzione di software libero e ODF e il 2009 per l'uso di Open Document Format internamente. Questo permetterà alle amministrazioni pubbliche olandesi di svincolarsi da una dipendenza troppo stretta verso un'unica azienda per la fornitura di servizi nel campo dell'IT e di avere grossi risparmi: il governo ha stimato il risparmio di 8,8 milioni di dollari all'anno per ogni città che gestiscono il registro d'immatricolazione internamente.

Le linee guida sono:

  1. ogni agenzia governativa deve utilizzare e produrre di default soluzioni che utilizzano standard aperti (sia software libero che formati). Chi attualmente utilizza una soluzione basata su standard chiusi deve sostituirla con una basata su standard aperti.
    Soltanto con una davvero buona ragione una può scegliere l'uso di prodotti non corrispondenti questi criteri.
  2. il software libero deve essere considerato in ogni acquisizione di nuovi prodotti. Deve essere considerato con termini equivalente al software proprietario
  3. nei casi in cui si ha parità tra software libero e software proprietario, allora deve essere sempre favorito il software libero
  4. interoperabilità, trasparenza governativa e innovazione sono almeno importanti come il costo della soluzione scelta
  5. entro aprile 2008 tutte le comunicazioni verso l'esterno devono essere fatte tramite Open Document Format
  6. tutte le agenzie semi-governative hanno tempo fino a dicembre 2008 per implementare ODF
  7. il parlamento dichiara esplicitamente che l'educazione deve essere inclusa in tale iniziativa; non solo per quanto riguarda il suo IT interno, ma come parte integrante dell'educazione verso i bambini e gli studenti
  8. il parlamento seguirà i progressi di questa iniziativa

Link:

ODF è ora il formato standard da usare per le pubbliche amministrazioni e per i settori semi-pubblici. ODF dovrà essere usato obbligatoriamente come formato per ogni spesa superiore a 50.000 euro.

Link:

La legislazione polacca

La Polonia approca il National Computerization Program (NCP) che raccomanda l'utilizzo di standard aperti e pubblicamente disponibili; inoltre il testo si richiama ad una neutralità tecnologica in tutti i progetti IT governativi. Il programma sarà implementato tra il 2007 e il 2010.

La legislazione slovacca

La Slovacchia adotta ODF come formato interno.

Spagna

La legislazione regionale dell'Estremadura (Spagna)

Il governo dell'Estremadura ha approvato (in formato PDF):

Svezia

ODF è stato approvato come standard svedese.

La legislazione svizzera

In Svizzera è stata presentata una proposta di legge ( In formato PDF) che prevede tre step:

  1. tutte le PA devono poter lavorare e ricevere documenti in formato ODF
  2. tutte le PA devono scambiarsi tra di loro solo documenti in formato ODF
  3. tutte le PA devono accettare solo documenti in formato ODF

Le pressioni interne sono molto forti e a proporla sono gli organi che si occupano della parte informatica nelle PA.

Il canton Vaud

Il Canton Vaud sta progettando una legge in favore dei formati aperti (compreso ODF) e del software libero. A parlarne è stato Mr. François Marthaler alla conferenza FOSS4G del 2006.

La legislazione tedesca

La Germania accoglie l'uso di ODF: dal gennaio del 2010 tutte le pubbliche amministrazioni dovranno essere in grado di ricevere, leggere e spedire documenti in formato ODF.

La città di Friburgo

Friburgo ha introdotto l'uso di ODF risparmiando 0,5 milioni di euro in due anni

La legislazione Ungherese

17/12/2009 Il parlamento ungherese impone l'uso degli standard aperti come obbligatorio per tutti gli scambi di dati con le pubbliche amministrazioni

06/04/2009 Il 2 Aprile 2009 il governo ungherese ha annunciato che varerà normative che obbligheranno le pubbliche amministrazioni a spendere metà dei soldi usati per l'acquisto di software in software libero

Le Americhe

La legislazione dell'Argentina

30/12/2008 Il governo dell'Argentina si sta dotando di regolamenti interni per favorire l'interoperabilità dei formati documentali, prendendo spunto dal documento simile emesso dall'Unione Europea

La provincia di Misiones in Argentina

Dal gennaio 2007 tutti i documenti creati e scambiati dalle pubbliche amministrazioni dovranno essere nel formato:

Tutti i formati proprietari sono esplicitamente non permessi.

Qui il regolamento della provincia di Misiones (in spagnolo).

Il governo brasiliano

Il governo brasiliano raccomanda ufficialmente l'utilizzo del formato ODF. I documenti in formato ms-office non rispettano più i requisiti tecnici previsti dalla legge.

Qui è possibile leggere il riassunto della notizia in inglese.

Qui è presente il testo governativo in spagnolo.

ODF è stato approvato come standard nazionale brasiliano.

16/12/2008 Ora il governo brasiliano impone come obbligatorio l'uso di ODF nella pubblica amministrazione

La legislazione dello stato del Parana (Brasile)

Il 18/12/2007 lo stato del Parana approva una legge che richiede l'uso di ODF da parte di tutte le pubbliche amministrazioni e società statali.

Canada

La città di Vancouver

Equador

ODF è standard nazionale (INEN) e ODF deve essere usato per spedire e ricevere documenti all'interno delle segreterie governative

L'Uruguay

L'agenzia AGESIC uruguaiana, responsabile per l'introduzione di nuovi standard informatici nel governo federale, raccomanda l'uso di ODF per i documenti modificabili e PDF per quelli non modificabili.

ODF è standard nazionale uruguaiano.

USA

La legislazione dello stato della California

Lo stato della California sta legiferando a favore degli open document standard con il Bill AB 1668.
Elenco alcune richieste che deve avere il formato documentale che deve essere usato da tutte le PA dal 1 gennaio 2008:

Il progetto di legge è stato bloccato per il lavoro svolto dalla lobby microsoft, ma sembra che verrà ripresentato tra qualche mese.

La legislazione dello stato del Massachusetts

Lo stato del Massachusetts ha legiferato in favore del formato ODF standard ISO/IEC 26300 con l'ETRM: Enterprise Technical Reference Model - Service-Oriented Architecture (attualmente, alla compilazione di questa nota, alla versione 3.6). L'ETRM è ancora in via di compilazione per quelle parti che attualmente sono ancora mancanti o non completamente sviluppate.

La legge prevede che tutte le agenzie debbano iniziare ad utilizzare ODF e prevedere un piano di migrazioni dei documenti esistenti ad ODF.

La legislazione dello stato del Minnesota

Lo stato del Minnesota sta legiferando a favore degli open document standard con il Bill 176.
Elenco alcune richieste che deve avere il formato documentale:

Il progetto di legge è stato bloccato per il lavoro svolto dalla lobby microsoft, ma sembra che verrà ripresentato tra qualche mese.

La legislazione dello stato di New York

Nello stato di New York è stata presentata una proposta di legge per introdurre l'uso dei formati aperti.

La legislazione dello stato dell'Oregon

Lo stato dell'Oregon sta legiferando a favore degli open document standard con il Bill 2920.
Elenco alcune richieste che deve avere il formato documentale rivolto a tutte le pubbliche amministrazioni e alle biblioteche:

Anche in questo caso l'unico formato che attualmente soddisfa questa proposta di legge è il formato OpenDocumentFormat standard ISO/IEC 26300. Per un'analisi della proposta di legge si può leggere l'articolo su StandardBlog.

Il progetto di legge è stato bloccato per il lavoro svolto dalla lobby microsoft, ma sembra che verrà ripresentato tra qualche mese.

La legislazione dello stato del Texas

Lo stato del Texas sta legiferando a favore degli open document standard con il Bill: SB 446.
Il dettaglio del Bill SB 446 prevede i seguenti punti:

  1. ogni documento elettronico creato, scambiato o mantenuto da un'agenzia statale deve essere basato su un formato XML che rispetti i seguenti punti:
    1. deve essere garantita l'interoperabilità tra differenti piattaforme e applicazioni;
    2. reso pubblico senza restrizioni o royaltie;
    3. deve avere una implementazione completa e indipendente fatta da più produttori di software su più piattaforme senza nessuna restrizione dovuta a proprietà intellettuali per la tecnologia necessaria alla sua realizzazione;
    4. deve essere controllato da un'organizzazione aperta con una ben definita procedura che prevede l'evoluzione dello standard
  2. ogni agenzia statale deve essere in grado di ricevere documenti in questo formato e non deve modificarli in un formato usato soltanto da un singolo venditore
  3. il dipartimento deve sviluppare delle linee guida che le agenzie statali devono seguire per convertire i loro attuali documenti nei formati sopra indicati. Nella redazione di tali linee guida il dipartimento deve tener conto dei seguenti:
    1. il costo per la conversione;
    2. la necessità di un accesso pubblico ai documenti;
    3. la vita prevista di conservazione dei documenti.

Non successivamente al 1° settembre 2008 il dipartimento delle risorse informatiche deve sviluppare le linee guida per l'attuazione di quanto qui riportato.

Il progetto di legge è stato bloccato per il lavoro svolto dalla lobby microsoft, ma sembra che verrà ripresentato tra qualche mese.

La legislazione venezuelana

Il Venezuela ha legiferato a favore del software libero: tutte le pubbliche amministrazioni dovranno usare software libero. La migrazione è iniziata nel 2004 e la sua conclusione è prevista per fine 2008.
L'uso del software libero implica come conseguenza l'uso, quasi scontato, del formato ODF per i formati documentali dato che tutti i programmi di software libero li stanno adottando come formato nativo.

Vedere anche Migrando Venezuela

14/10/2008 ODF è standard nazionale venezuelano.

29/01/2009 L'uso di ODF è ora obbligatorio per i formati documentali modificabili; per quelli non modificabili è d'obbligo l'uso del formato PDF

Africa

La legislazione sudafricana

Il Sudafrica ha emanato una legge (qui in formato PDF) che favorisce l'uso software libero e che impone l'uso di formati standard aperti.
L'ultima versione della legge (4.1 del 2007, qui in formato PDF) stabilisce che gli unici formati utilizzabili all'interno delle pubbliche amministrazioni siano: UTF-8 or ASCII plain text, CSV, or ODF.

Gli step previsti sono:

  1. dal 1 March 2008: gli uffici governativi devono essere in grado di leggere i documenti in formato ODF
  2. dal 1 settembre 2008: gli uffici governativi devono essere in grado di leggere e scrivere documenti in formato ODF
  3. dal 1 gennaio 2009: tutti i documenti devono essere in formato ODF

ODF è stato approvato come standard nazionale sudafricano.

Asia

Cina: convertitore ODF - UOF

È stato rilasciato il convertitore tra i formati ODF <-> UOF (UOF è lo standard XML cinese).
È stata rilasciata anche una documentazione accurata che spiega in dettaglio le differenze tra i due formati.

Per maggiori dettagli vedere questo articolo.
È possibile che le specifiche di UOF vengano incorporate in ODF creando così un unico formato, come si può leggere sul sito di OASIS, ad esempio qui.

La legislazione del Buthan

Il Buthan obbliga per legge l'uso di software in lingua locale e che possa produrre documenti in lingua locale. È stato scelto come sistema operativo Debian GNU/Linux localizzato e come formato documentale ODF.
Per ulteriori dettagli vedere questo annuncio sulle liste Debian.

Le pubbliche amministrazioni Filippine

Le pubbliche amministrazioni Filippine pur non avendo adottato ODF come standard interno lo sta utilizzando di fatto nelle agenzie governative.

La legislazione Giapponese

Il Giappone diventerà probabilmente il primo governo asiatico a dichiarare formalmente una politica che pone la priorità sull'uso di tecnologia basata su formati aperti.
La bozza del documento, che prevede l'uso di ODF, è ora disponibile per commenti pubblici e si prevede la sua approvazione per la fine dell'anno.
Il regolamento che include la preferenza d'uso per i formati aperti è stato approvato a marzo 2007 e avrà effetto dal luglio 2007.

La legislazione di Hong Kong

Il governo di Hong Kong riconosce ODF come formato per l'interscambio documentale

La Corea del Sud

Il ministro dell'informazione e della comunicazione ha dichiarato che ODF sarà lo standard per le PA coreane. Tutti i software che non supporteranno ODF non potranno essere usati nelle pubbliche amministrazioni.

India

La legislazione del Kerala

Il Kerala è uno stato indiano situato nel sud-ovest del paese con circa 32 milioni di abitanti.
Nel 2007 sono state pubblicate le linee guida per l'adozione di ODF e altre tecnologie informatiche all'interno delle pubbliche amministrazioni.

La commissione elettorale indiana

La commissione elettorale indiana adotta ODF a livello nazionale.

La legislazione malese

La Malesia dopo aver adottato ODF come standard nazionale, sta per formalizzare l'uso di ODF come formato interno delle pubbliche amministrazioni dal ministero delle scienze e delle tecnologie.
È iniziato formalmente lo studio di 9 mesi per documentare i benefici dell'uso di uno standard aperto (ODF), suggerire le strategie di migrazione e fornire una roadmap da seguire per effettuare la migrazione di tutte le pubbliche amministrazioni a ODF.

La legislazione russa

Il ministro russo per l'IT e le comunicazioni ha pubblicato il piano per l'uso e lo sviluppo del software libero all'interno del governo russo. Il piano prevede l'uso di standard ampiamente utilizzati (principalmente standard ISO) per permettere a tutte le aziende nazionali di partecipare alle gare d'appalto statali. Poiché ODF è l'unico standard ISO documentale ed è l'unico formato standard ampiamente diffuso, sarà di conseguenza utilizzato all'interno delle amministrazioni statali russe.

Altri

Dovrebbero esserci riferimenti a ODF/formati standard aperti anche nelle legislazioni di: lo stato indiano del Tamil …
se qualcuno conosce i link alle notizie (meglio se alle fonti legislative) me li segnali

Documenti vari

Argomenti di approfondimento

Siti che trattano di OpenDocumentFormat

Specifiche del formato ODF

TestSuite:

Test per controllare l'accessibilità di un documento ODF:

Documentazione/Libri

1) in danese, commenti in inglese e traduzione di alcune parti

Navigazione rapida: Home - Dizionari - Thesaurus - Estensioni - News - FAQ - Mappa - Software
GPL3 License AGPL3 License
SourceForge.net Logo